Pubblicato il

Festa di San Matteo 2018

festa di san matteo

Eccoci tornati con Ti offro un caffè 😍 Oggi tappa speciale a Salerno per una nuova puntata di Caffè&Territorio 💪 Parliamo della festa di San Matteo, patrono della città di Salerno e uno dei giorni più attesi per tutti i salernitani 😉

21 settembre: festa di San Matteo

Come ogni anno, il 21 settembre è giornata di festa per i cittadini salernitani: tutti intenti a celebrare il santo patrono della città.
I festeggiamenti sono cominciati questa mattina presto, con la celebrazione delle prime messe che si sono tenute dalle o6:30 alle 09:30 presso il Duomo di Salerno. A seguire, l’arcivescovo Luigi Moretti ha celebrato la Messa Pontificale alle ore 10:30. Ma il momento più atteso, quello della processione del Santo patrono per le vie del centro, è fissato per le 18:30.

Cosa fare a San Matteo

Dopo aver assistito alle celebrazioni religiose, è d’obbligo una passeggiata sul lungomare, dove avrete la possibilità di mangiare la “meveza mbuttunata”, ossia la milza imbottita, tipico piatto salernitano che viene tradizionalmente mangiato il 21 settembre. Ultima tappa: tammurriata sulla spiaggia, prevista per le 21:30, per ballare insieme aspettando i magnifici fuochi d’artificio di mezzanotte.

Approfittatene per passare un venerdì sera differente e per cominciare al meglio il weekend 😍 Noi, intanto, vi diamo appuntamento alla prossima settimana e vi ricordiamo di iscrivervi alla nostra newsletter, per non perdervi nemmeno una delle nostre offerte su capsule compatibili e cialde 😎

Pubblicato il

Cosa vedere ad Amalfi: itinerari della costiera amalfitana

cosa vedere ad amalfi

Ciao a tutti e ben tornati alle nostre chiacchiere da bar 😎
Continuiamo il nostro itinerario attraverso i magnifici luoghi della costiera amalfitana. Dopo aver visto le ceramiche di Vietri sul Marei paesaggi di Cetara e quelli di Maiori, siamo pronti a raccontarvi cosa vedere ad Amalfi 😍

Il centro della costiera amalfitana: cosa vedere ad Amalfi

Quando si parla di costiera amalfitana è normale pensare, quasi in maniera automatica, ad Amalfi. Il comune di Amalfi è, infatti, quello maggiormente conosciuto ed anche quello che dà il nome all’intera costiera. Quest’antica repubblica marinara è, oggi, un luogo particolarmente ricercato per chi decide di fare un bel giro in Campania (che, come abbiamo visto, è una regione ricca di sorprendenti luoghi). Ma vediamo ora cosa fare ad Amalfi.

Un giorno ad Amalfi

Per chi non avesse la possibilità di restare in questo luogo per molto tempo, Mara Caffè ha deciso di raccontarvi cosa vedere ad Amalfi, anche se avete solo 24 ore di tempo!
Innanzitutto, non possiamo non menzionare le bellissime acque che fanno da cornice ad una cittadina già fantastica di suo. In particolare, vi consigliamo di prendere uno delle imbarcazioni che partono dal molo di Amalfi per arrivare a delle spiagge molto piccole (come tutte quelle della costiera, d’altronde) ma che troveranno sicuramente la vostra soddisfazione.

cosa vedere ad amalfi

Oltre al mare, però, vale sicuramente la pena fare una bella passeggiata per i vicoli di questa città, perdendovi tra i luoghi, i negozi tipici e le bancarelle. 

Attraversando il rione Vagliendola avrete modo di fare un salto anche al museo della carta. Qui potrete ammirare strumenti utilizzati anticamente per realizzare la carta.
Altra tappa obbligatoria è piazza Duomo, nella quale potrete gustare una caratteristica granita al limone e godervi la vista della Cattedrale di Sant’Andrea. Nella piazza vedrete anche la fontana di Sant’Andrea, dedicata al santo patrone dal quale prende il nome insieme alla Cattedrale.

Siamo certi che Amalfi vi piacerà davvero molto, quindi fateci sapere cosa ne pensate 💪😉
Noi vi diamo appuntamento alla prossima settimana, continuate a seguirci per non perdervi le nostre offerte su capsule e cialde compatibili!

Pubblicato il

Cosa vedere a Maiori

cosa vedere a maiori

Ciao a tutti 😘 Finalmente è arrivata la settimana più attesa dell’anno: Ferragosto è alle porte! E se siete in cerca di consigli su cosa vedere in costiera amalfitana, noi di Mara Caffè vi sveliamo cosa vedere a Maiori 😍

Giretto in costiera amalfitana? Ecco cosa vedere a Maiori

Il viaggio di Mara Caffè attraverso i comuni della costiera amalfitana è cominciato partendo da Vietri, il primo comune della costiera amalfitana venendo da Salerno, e passando per Cetara. Oggi ci allunghiamo a Maiori, che comprende anche le frazioni di Erchie, San Pietro, Santa Maria delle Grazie, Vecite e Ponteprimario.

Un salto ad Erchie

Lasciando Cetara, è proprio Erchie la prima località che troverete lungo la costiera, e vi consigliamo di fare lì la prima sosta. Secondo la leggenda, Erchie, questa piccola frazione abitata solo da un centinaio di persone, fu fondata da Ercole, divinità greca, dalla quale ha poi preso il nome. Caratterizzata dalla spiaggia e da una torre medievale, voluta da Carlo I d’Angiò nel XIII secolo, rappresenta una delle chicche della costiera amalfitana.

Le bellezze di Maiori

Prima cosa da fare appena arrivati a Maiori (che anticamente veniva chiamata Rheginna Major) è sicuramente un bel bagno nelle sue bellissime acque. Ma per chi ama meno il mare, consigliamo di visitare il complesso abbaziale di Santa Maria de Olearia, ammirando così le tre piccole chiese che lo compongono e i vari affreschi. Altra sosta, poi, al Castello di San Nicola de Thoro-Plano: arrivarci è un po’ faticoso per gli scalini che dovrete salire, ma poi ne varrà assolutamente la pena considerato il paesaggio che vi troverete davanti. 

Che dite? Passate a farci un salto? 😎 Mara Caffè ne approfitta per augurarvi un buon ferragosto e vi aspetta venerdì, con un’altra puntata di Ti offro un caffè. Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter se volete restare sempre aggiornati su tutte le offerte delle nostre capsule e cialde compatibili 😉

Pubblicato il

Cosa fare a Castellammare di Stabia

cosa fare a castellammare di stabia

Ciao a tutti e ben tornati 😍 Oggi siamo belli carichi perché il weekend è alle porte 💪 Oggi facciamo un piccolo strappo alla regola con il nostro Caffè&Territorio parlandovi di una bellissima città che, però, non si trova in costiera amalfitana: Castellammare di Stabia. Per chi si fosse perso gli articoli sulla costiera, leggete cosa fare a Vietri e cosa fare a Cetara 😊 Castellammare di Stabia, inoltre, si trova in un posto strategico dal quale potrete facilmente raggiungere altre bellissime città, come Sorrento, Pompei ed Ercolano. Vediamo adesso cosa fare a Castellammare di Stabia, così magari potete passarci nel weekend 😍

La villa di Castellamare di Stabia

Prima tappa obbligatoria: la villa comunale. Una passeggiata su questo lungomare, dal quale potrete godervi il clima mite che caratterizza la città e lo spettacolare panorama che vi troverete di fronte, con il Vesuvio che la fa da protagonista.
Lungo la villa troverete diverse alternative per mangiare un’ottima pizza o per rilassarvi in qualche localino 😍🍕

Gli scavi di Castellammare di Stabia

Di minore dimensioni rispetto a quelli di Pompei ed Ercolano, sono gli scavi di Castellammare di Stabia. A differenza di quelli che potrete trovare in queste altre due città (di cui vi parleremo nelle prossime puntate di Ti offro un caffè), questi scavi non rappresentano la vita quotidiana degli antichi romana, bensì i momenti di relax. Nell’antica Stabbia, infatti, si trovavano soprattutto le ville residenziali. Fate un salto anche qui 😉

Il castello

Eretto ad oltre 100 metri di altezza, sulle pendici del monte Faito, si erige il castello  dal quale la città prende il nome, attualmente utilizzato per ricevimenti e congressi. 
Non sono chiare le origini: si presupponeva fosse stato costruito sotto il regno di Carlo I D’Angiò, ma documenti ritrovati fanno supporre che, in realtà, il castello esistesse già da prima. Attualmente, l’ipotesi più accredita colloca la costruzione del castello durante il regno di Federico II di Svevia.
Non potrete, purtroppo, ammirarne gli interni, ma riuscirete sicuramente ad apprezzarne la maestosità.

Che dite quindi? Passeggiatina a Castellammare di Stabia questo weekend? Potrete tranquillamente andare anche al mare, l’acqua merita tanto (ve lo garantiamo 😉). Noi vi auguriamo un buon fine settimana, vi aspettiamo lunedì con le prossime chiacchiere da bar 💪 Non dimenticate di iscrivervi alla newsletter per restare sempre aggiornati sulle nostre offerte caffè di capsule e cialde compatibili targate Mara!

Pubblicato il

Cosa fare a Cetara: visitare la costiera amalfitana

visitare la costiera amalfitana

Eccoci di nuovo qui, con l’appuntamento preferito di Mara Caffè 😎
Oggi vogliamo tornare a parlare della nostra fantastica terra: la Campania! Vi abbiamo già raccontato cosa fare a Vietri, adesso scopriamo cosa fare a Cetara! Visitare la costiera amalfitana in questo periodo è davvero un bel modo di trascorrere la giornata, quindi approfittatene 😍

Idee per visitare la costiera amalfitana

Vi abbiamo promesso che vi avremmo parlato dei magnifici posti della costiera amalfitana nei nostri appuntamenti con Caffè&Territorio, quindi oggi è il turno di Cetara. Questo comune di circa 2000 abitanti si trova a una mezz’oretta di macchina da Salerno (leggete anche Salerno da vedere per scoprire altri posti da visitare). Passeggiare per le strade di questo affascinante borgo marino vi renderà la giornata decisamente piacevole. Il suo nome significa tonnara, termine che indica l’insieme di reti utilizzate dai pescatori che sono da sempre i protagonisti di questa piccola cittadella.

Cosa fare a Cetara 

cosa fare a cetara

Vediamo adesso cosa fare se vi capita di passare per questa caratteristico comune della costiera amalfitana. Innanzitutto, un salto alla Torre di Cetara è d’obbligo. Costruita nel XIV secolo, la torre nasce per proteggere il commercio dei pescatori dai pirati (e anche per controllare le invasioni dei turchi). 

Anche la chiesa di San Francesco e quella di San Pietro (il patrono di Cetara, festeggiato il 29 giugno, giorno in cui vi consigliamo di passare ad ammirare i fantastici fuochi d’artificio, protagonisti della celebrazione) meritano una sosta. Ma la cosa più importante, se vi trovate a visitare la costiera amalfitana e decidete di fare una tappa a Cetara, è obbligatorio provare la colatura di alici, vera e propria attrazione del borgo. Troverete ottimi posticini dove avrete la possibilità di gustare un buon piatto di pasta condita con la colatura di alici: non ve ne pentirete assolutamente!

Che ne dite? Convinti? Siamo sicuri di si 😎
Noi vi diamo appuntamento a venerdì, con la prossima puntata di Ti offro un caffè 💪
Non dimenticate di iscrivervi alla newsletter per restare sempre aggiornati sulle offerte di capsule compatibili e cialde!

Pubblicato il

Cosa fare a Vietri? Scoprire la costiera amalfitana

cosa fare a vietri

Ciao a tutti! 😎
Eccoci tornati con altre chiacchiere da bar: oggi parliamo ancora di Caffè&Territorio 💪
Restiamo in Campania perché ci piace vantare la moltitudine di luoghi che abbiamo e scopriamo la costiera amalfitana. Vediamo cosa fare a Vietri sul Mare: chi di voi si trova in zona può fare un salto nel weekend 😍

Passeggiata in costiera amalfitana: cosa fare a Vietri

costiera amalfitana

La costiera amalfitana: uno dei luoghi più belli della Campania, e non solo. E’, infatti, considerata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità, e le ragioni sono più che valide. Gli scorci dei 13 comuni che si affacciano sul golfo di Salerno vi lasceranno senza fiato per la loro naturale bellezza, motivo per cui vogliamo presentarveli uno ad uno nei prossimi appuntamenti con Mara Caffè. Partiamo con il primo comune che incontrerete sulla costiera amalfitana venendo da Salerno (da vedere il Giardino della Minerva, se riuscite a fare un salto, di cui vi abbiamo già parlato in un altro appuntamento con Caffè&Territorio).

La bellezza di Vietri sul Mare

Vietri sul Mare, il comune che apre le meraviglie della costiera amalfitana vi conquisterà con le particolarissime ceramiche che produce, conosciute in tutto il mondo. La prima tappa obbligatoria, quindi, saranno proprio le piccole botteghe in cui vengono prodotte le ceramiche tipiche di Vietri, immediatamente riconoscibili grazie ai colori spiccati. Per gli amanti delle lavorazioni in ceramica, inoltre, vale la pena visitare il museo della ceramica vietrese, anche se questo significherà spostarsi leggermente dal centro storico di Vietri, andando verso la frazione di Raito. Esempio riuscitissimo della lavorazione della ceramica è la chiesa di San Giovanni Battista, la cui cupola è realizzata in maiolica colorata. Tra una bottega e l’altra, godetevi una bella passeggiata tra le stradine del centro storico, nelle quali potrete ammirare altre lavorazioni in ceramica sui muri e, magari, acquistare un souvenir vietrese. 

Per gli amanti del mare

Non male nemmeno il versante marino, nonostante le acque non siano così cristalline come quelle degli altri comuni della costiera amalfitana. Suggestivo è il panorama che potrete ammirare e quello che significa. I due fratelli, infatti, sono due famosissimi scogli vietresi, che si erigono uno accanto all’altro, quasi identici, nelle acque di questo comune della costiera. La leggenda narra di due fratelli pastori che, camminando lungo la costa, videro una donna molto bella in mare; all’arrivo di una tempesta, i due fratelli si gettarono in acqua per salvarla, perdendo la vita. La donna, figlia di Poseidone, chiese al padre di rendere loro omaggio: da qui i due scogli, pronti sempre a vegliare sulle sorti dei bagnanti.  

Che dite? Lo facciamo un salto a Vietri questo weekend? Ne varrà assolutamente la pena 😍
Noi, intanto, vi auguriamo un bellissimo fine settimana!
Se non l’avete ancora fatto, iscrivetevi alla newsletter per restare sempre aggiornati sulle novità e le offerte caffè di Mara Caffè!

Pubblicato il

Da vedere a Napoli: Città della Scienza

da vedere a napoli città della scienza

Ciao a tutti 🤗
Rieccoci qui, con un’altra puntata di Ti offro un caffè, pronti per parlarvi di un fantastico luogo da vedere a Napoli: la Città della Scienza 😍🤖

Da vedere a Napoli

da vedere a napoli città della scienza

“Vedi Napoli e puoi muori”. Così recita un vecchio detto, che vuole enfatizzare quella sensazione di tristezza che arriva nel momento in cui si deve lasciare questo meraviglioso tesoro del Sud.
Stilare una classifica dei luoghi da vedere a Napoli non è compito semplice. Proprio per questo motivo, il capoluogo campano non vi lascerà mai indifferenti, che scegliate di passeggiare a San Gregorio Armeno o sul lungomare Caracciolo. Con tutti i suoi luoghi e le sue tradizioni, le sfogliatelle e le pizze a portafoglio, il babbà e il caffè, Napoli è luogo di cultura e tradizione, che lascia senza fiato. 

Chicche napoletane: la Città della Scienza

Tra tutti i luoghi di cui vi possiamo raccontare, oggi abbiamo deciso di parlarvi della Città della Scienza, perla di Napoli per quanto riguarda la conoscenza e l’innovazione. Lo sappiamo bene noi di Mara Caffè, presenti ieri con la Farzati Tech in Dall’Aerospace all’Health attraverso l’Intelligenza Artificiale (informazioni sull’evento qui 👈).
Vale la pena passare da questo complesso costituito da un science centre, un centro di alta formazione e un business innovation centre. In particolare, il science centre è indicato per tutte quelle persone interessate a scienza e tecnologia. Infatti, questo centro rappresenta il primo museo scientifico interattivo italiano, ed è targato Napoli 😍

Aree espositive

Dopo l’incendio che ha colpito il science centre della Città della Scienza nel 2013, le aree espositive attualmente disponibili ed aperte al pubblico sono 4:

  • Corporea, il Museo del Corpo Umano (primo museo interattivo in Europa dedicato al mondo della salute, con 14 isole tematiche che si soffermano particolarmente sul tema della prevenzione 💪)
  • Planetario 3D (il luogo del science centre dove è possibile vedere spettacoli sui misteri dell’Universo; ha 120 posti a sedere ed è anche un simulatore del cielo 😮)
  • Mostra interattiva dedicata al Mare (focus sulle forme di vita del Mediterraneo, su come si sono evolute; la mostra è stata arricchita con nuove modalità interattive proprio quest’anno 👏)
  • INSETTI & CO (la nuovissima area espositiva fornita di 6 isole tematiche per conoscere tutto sul mondo degli insetti 🐝)

Allora? Curiosi di scoprirla? 🤓
Tutte le informazioni relative a biglietti, orari ed eventi sono qui 👈
Aspettiamo le vostre impressioni e vi diamo appuntamento alla prossima settimana!
Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter per restare sempre aggiornati su capsule e cialde compatibili, potete anche trovare i kit assaggio caffè (kit assaggio cialde caffè, kit assaggio compatibili nespresso, kit assaggio espresso point e kit assaggio a modo mio 💪).
Buon weekend 😍

Pubblicato il

Salerno da vedere: Giardino della Minerva

salerno da vedere giardino della minerva

Ben tornati coffee lovers 🎉
Vi siamo mancati? Voi tanto, non vedevamo l’ora di condividere di nuovo la pausa caffè ☕
Oggi siamo davvero molto felici perché lanciamo la nostra rubrica Caffè&Territorio e vogliamo cominciare con una città che sta molto a cuore a noi di Mara Caffè: Salerno!
Pronti? Immergiamoci in questo fantastico itinerario della Salerno da vedere 💪

Salerno da vedere

salerno da vedere

Chi di voi si è mai imbattuto in questa fantastica città sa sicuramente quanto difficile sia scegliere i luoghi da visitare, se non altro perché meritano tutti una sosta! Si dice che Salerno sia stata abitata fin dalla preistoria; è, tuttavia, a partire dal VI secolo a. C. che gli etruschi si insediarono a Salerno, orientativamente dove è attualmente localizzabile il quartiere di Fratte.
Una storia davvero antica, quindi, che raccoglie una miriade di scorci (tranquilli, ve ne presenteremo molti nei nostri appuntamenti settimanali con Caffè&Territorio 😉).

Passeggiata in una Salerno nascosta: il Giardino della Minerva

Non abbiamo dubbi che tutti quelli che sono passati per Salerno hanno deciso di fare una passeggiatina tra le vie più caratteristiche di questa cartolina campana, passando tra quelle stradine che collegano la villa comunale con il cuore della città. Ed è proprio qui che si trova il fantastico Giardino della Minerva, un orto botanico con un particolare primato: usato, sin dal Medioevo, dagli studenti della scuola medica salernitana a scopi didattici, è ritenuto uno dei primi orti botanici così come li intendiamo oggi.

giardino della minerva

Dove sorge questo magnifico giardino, erano anticamente coltivate (grazie alla dedizione dei medici della famiglia Silvatico, in particolare Matteo, illustre medico della scuola salernitana) piante da cui potevano essere ricavati alcuni principi attivi utilizzati a scopi terapeutici.
All’interno dell’orto sono presenti oltre 300 specie di piante differenti, tutte accuratamente classificate 🌿
Inoltre, una piccola curiosità: il Giardino della Minerva è stato parte del set di Babbo Natale non viene dal nord, film del 2015 con protagonista Maurizio Casagrande  😲

Che ne dite? Vi abbiamo incuriosito? Speriamo proprio di sì 🤞 Potete trovare tutte le informazioni relative ad orari e costi per l’ingresso nel giardino qui 👈 Fateci sapere cosa ne pensate se passate a fare un salto! Noi, intanto, vi diamo appuntamento alla prossima pausa caffè, sempre targata capsule compatibili e cialde Mara😍 E per restare sempre aggiornati sulle novità di Ti offro un caffè e su tutte le offerte caffè non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter!